logo_demeter_grigio_50px
logo ibwt_30px

Energia “nera” e “verde”, si va al pareggio

Energia “nera” e “verde”, si va al pareggio

Stando agli studi della Deutsche Bank, il fotovoltaico sta raggiungendo, quanto a convenienza, le fonti fossili: la grid parity è vicina. Le previsioni sono che, entro i prossimi due anni, l’energia prodotta dal sole costerà quanto quella generata dal petrolio: l’aumento dei prezzi dell’elettricità convenzionale (circa il 3% anno) e quelli del solare fotovoltaico in discesa (cali medi del 30% già raggiunti) sono i fattori determinanti, insieme alle politiche più aperte alle rinnovabili della gran parte dei Paesi industrializzati e agli incentivi fiscali. Il fotovoltaico sta diventando competitivo, come illustra Vishal Shah, l’analista dell’Istituto tedesco che si occupa del monitoraggio: «Crediamo che la tendenza sia piuttosto chiara: la grid parity anche senza sovvenzioni è già possibile e il solare è in crescita in tutto il mondo. Oggi l’elettricità prodotta da impianti fotovoltaici installati sui tetti ha raggiunto un costo medio compreso tra 0,13 e 0,23 dollari al kWh. Questa cifra è nettamente inferiore al prezzo di vendita al dettaglio dell’energia elettrica registrato in molti mercati». A questo si aggiunge il continuo incremento dell’efficienza dei pannelli e dei componenti di regolazione e accumulo, nonché la diffusione di reti intelligenti che rendono più agile la distribuzione e gestione dell’energia solare. Significativo il dato che, nonostante la politica energetica conservatrice dell’attuale presidenza, negli USA la domanda di fotovoltaico è stata nell’ultimo anno e mezzo 5 volte maggiore, arrivando a 16 mila MW. In Europa, intanto, molte compagnie energetiche come il colosso tedesco E.ON hanno deciso di abbandonare progressivamente gas naturale, carbone e nucleare per puntare sulle rinnovabili. Dando così fiducia a quei governi, come la Germania, che si sono impegnati a portare l’energia da fonti rinnovabili al 40% entro il 2025.

Una vita biodinamica
a cura di Giuliana Zoppis

Energia “nera” e “verde”, si va al pareggio

Novità, eventi, prodotti e servizi per uno stile di vita innovativo e consapevole:
tutto ciò che può dare una svolta “ECO” alle azioni di ogni giorno con responsabilità, curiosità, fantasia, volontà di cambiare in meglio noi e il mondo in cui viviamo.

È lo spazio dedicato al biodinamico, condotto su La Raia.it da Giuliana Zoppis, architetto e giornalista specializzata nei temi ecodesign, bioedilizia e sostenibilità socio-ambientale.
Dopo numerose esperienze editoriali (Rizzoli / Corriere della Sera, Giorgio Mondadori / AD-Architectural Digest Italia e Mondadori) e televisive (Rai 2, Il Piacere di Abitare), collabora con i settimanali D-Dcasa e Il Venerdì de La Repubblica e il magazine Mark Up. È nella Commissione Sostenibilità di ADI (Associazione Disegno Industriale). Nell’autunno 2006 ha fondato con Clara Mantica il primo circuito per la promozione dell’abitare sostenibile Best Up.