logo_demeter_grigio_50px
logo-ibwt_30px

I dati della cura domestica

È di maggio 2014 la pubblicazione di una ricerca, voluta e diffusa da Panasonic, che evidenzia modi e tempi delle abitudini legate ai lavori domestici in Europa.

Si scopre che le donne del continente trascorrono in media più di un anno (385 giorni della loro vita) svolgendo i lavori di casa: quasi tre ore a settimana, inesorabilmente. Emerge, inoltre, che le donne europee vi dedicano circa un’ora in più rispetto agli uomini.

Fin qui, niente di sconvolgente. La ricerca di Panasonic, con ICM, svela però alcune tendenze interessanti sulle motivazioni che inducono a svolgere anche i compiti meno graditi. Tra le oltre 5mila persone sentite in cinque Paesi, si scopre che le italiane primeggiano per cura e dedizione, mentre tra gli uomini sono gli spagnoli e i tedeschi a risultare più virtuosi. L’età tra 35 e 44 anni segnala la maggiore assenza di maschi impegnati nei lavori famigliari in ogni Paese, unica eccezione: le ore che anticipano la visita di fidanzate e amanti. Con l’uso del forno a microonde per cucinare. No comment. Gli spagnoli di ogni età, d’altro canto, si prodigano volentieri per garantire un’atmosfera accogliente alle proprie mogli, al rientro dal lavoro. Per le donne, la visita più motivante è quella della suocera, evento prima del quale sono disposte a tirare a lucido ogni stanza. Altro no comment. Quanto alla divisione dei compiti, le donne europee affidano volentieri ai partner il lavaggio dei piatti (o relativo caricamento della lavapiatti) e la pulizia dei pavimenti con l’aspirapolvere. Solo una su dodici si fida dell’abilità degli uomini con lo stiro e la lavatrice. In considerazione dello scarso entusiasmo in questi campi, Panasonic Italia ha deciso di sviluppare nuove tecnologie per facilitare entrambe le mansioni in modo facile ed efficace (www.panasonic.it).

La ricerca Panasonic in sintesi

I dati della cura domestica

Una vita biodinamica
a cura di Giuliana Zoppis

I dati della cura domestica

Novità, eventi, prodotti e servizi per uno stile di vita innovativo e consapevole:
tutto ciò che può dare una svolta “ECO” alle azioni di ogni giorno con responsabilità, curiosità, fantasia, volontà di cambiare in meglio noi e il mondo in cui viviamo.

È lo spazio dedicato al biodinamico, condotto su La Raia.it da Giuliana Zoppis, architetto e giornalista specializzata nei temi ecodesign, bioedilizia e sostenibilità socio-ambientale.
Dopo numerose esperienze editoriali (Rizzoli / Corriere della Sera, Giorgio Mondadori / AD-Architectural Digest Italia e Mondadori) e televisive (Rai 2, Il Piacere di Abitare), collabora con i settimanali D-Dcasa e Il Venerdì de La Repubblica e il magazine Mark Up. È nella Commissione Sostenibilità di ADI (Associazione Disegno Industriale). Nell’autunno 2006 ha fondato con Clara Mantica il primo circuito per la promozione dell’abitare sostenibile Best Up.