logo_demeter_grigio_50px
logo-ibwt_30px

Troppi rifiuti pensiamoci subito anche vedendo un film

Secondo gli scienziati un pianeta e mezzo oggi non basta più: l’impronta ecologica del Pianeta è di molto superiore alle risorse primarie che stiamo consumando.

Il concetto d’impronta è stato introdotto nel 1996 da due ricercatori, William Rees e Mathis Wackernagel, considerando tra le risorse naturali e rigenerabili nel corso dell’anno i campi arabili, i pascoli, le foreste e i bacini ittici, in tutto 12 miliardi di ettari, contro una domanda dell’umanità odierna di 18 miliardi di ettari.

Sempre secondo i calcoli degli esperti la soglia del consumo sostenibile è stata definitivamente varcata il 20 agosto del 2013 appena concluso. Ebbene, per ragionare su tutto ciò e su molto altro ancora, come ad esempio la sovrapproduzione di rifiuti non compostabili e la necessità di ridurre per sempre l’uso di plastica, consigliamo a tutti la visione di un bellissimo film: Trashed (UK, 2012, 97′) della documentarista Candida Brady, con Jeremy Irons come attore e coproduttore. Il bravo Irons ci conduce attraverso i cinque continenti, mostrando quanto l’inquinamento dell’aria, della terra e degli oceani stia mettendo sempre più in pericolo non solo la salute, ma la stessa esistenza del genere umano. Un film è un feroce atto d’accusa nei confronti della grande economia mondiale, ma anche un forte incitamento alla lotta e al cambiamento. In nome di un mondo migliore.

Troppi rifiuti pensiamoci subito anche vedendo un film

Una vita biodinamica
a cura di Giuliana Zoppis

Troppi rifiuti pensiamoci subito anche vedendo un film

Novità, eventi, prodotti e servizi per uno stile di vita innovativo e consapevole:
tutto ciò che può dare una svolta “ECO” alle azioni di ogni giorno con responsabilità, curiosità, fantasia, volontà di cambiare in meglio noi e il mondo in cui viviamo.

È lo spazio dedicato al biodinamico, condotto su La Raia.it da Giuliana Zoppis, architetto e giornalista specializzata nei temi ecodesign, bioedilizia e sostenibilità socio-ambientale.
Dopo numerose esperienze editoriali (Rizzoli / Corriere della Sera, Giorgio Mondadori / AD-Architectural Digest Italia e Mondadori) e televisive (Rai 2, Il Piacere di Abitare), collabora con i settimanali D-Dcasa e Il Venerdì de La Repubblica e il magazine Mark Up. È nella Commissione Sostenibilità di ADI (Associazione Disegno Industriale). Nell’autunno 2006 ha fondato con Clara Mantica il primo circuito per la promozione dell’abitare sostenibile Best Up.