logo_demeter_grigio_50px
logo ibwt_30px

Vetro, le virtù del riciclo

Tre milioni di tonnellate: è la quantità di materia prima risparmiata ogni anno in Italia, grazie a una buona raccolta differenziata del vetro. Ben 850 mila le tonnellate di CO2 che non vengono sprigionate nell’aria. Bottiglie, barattoli e bicchieri sono la parte nobile di questo ciclo efficace e virtuoso. Per chi vuole contribuire al meglio a questo processo ci sono, però, alcune regole da rispettare. La prima: occorre svuotare gli imballi di vetro da ogni residuo, ma non è necessario risciacquarli prima di buttarli nella differenziata. La seconda: basta eliminare gli accessori mobili (tappi, collarini), senza impazzire sulle etichette. E poi: occhio al pirex, alias “vetroceramica”, che non va assolutamente eliminato con il vetro (anche pochissimo vanifica il processo di riciclo). Idem per il cristallo, per via dell’alto contenuto di piombo, e per lampadine, specchi, tubi al neon, vetri di fari e fanali.

Vetro, le virtù del riciclo

Una vita biodinamica
a cura di Giuliana Zoppis

Vetro, le virtù del riciclo

Novità, eventi, prodotti e servizi per uno stile di vita innovativo e consapevole:
tutto ciò che può dare una svolta “ECO” alle azioni di ogni giorno con responsabilità, curiosità, fantasia, volontà di cambiare in meglio noi e il mondo in cui viviamo.

È lo spazio dedicato al biodinamico, condotto su La Raia.it da Giuliana Zoppis, architetto e giornalista specializzata nei temi ecodesign, bioedilizia e sostenibilità socio-ambientale.
Dopo numerose esperienze editoriali (Rizzoli / Corriere della Sera, Giorgio Mondadori / AD-Architectural Digest Italia e Mondadori) e televisive (Rai 2, Il Piacere di Abitare), collabora con i settimanali D-Dcasa e Il Venerdì de La Repubblica e il magazine Mark Up. È nella Commissione Sostenibilità di ADI (Associazione Disegno Industriale). Nell’autunno 2006 ha fondato con Clara Mantica il primo circuito per la promozione dell’abitare sostenibile Best Up.