| Una vita bio

Una foresta per stare bene tra i grattacieli

L’inaugurazione ufficiale è il prossimo ottobre: allora si potrà passeggiare tra le 90mila piante distribuite su una superficie di oltre 9 ettari che costituiscono la Biblioteca degli Alberi di Milano tra prati, orti e boschi circolari. La nuova foresta ai piedi dei grattacieli che circondano Piazza Gae Aulenti è il terzo grande parco del centrocittà, ed è già un landmark nel cuore della metropoli. Un grande giardino botanico moderno che rivestirà un ruolo strategico di connessione urbana. Il progetto è della paesaggista olandese Petra BlaisseStudio Inside-Outside, la direzione dei lavori dello studio milanese AG&P Greenscape, con Studio Ceruti e Gae Engeneering. 14 milioni di euro l’investimento complessivo. La Biblioteca degli Alberi prevede campi fioriti, percorsi continui da utilizzare per mercatini e spettacoli, foreste circolari dove passeggiare respirando un’aria inaspettatamente frizzante in città, grandi chiome di alberi sotto le quali organizzare giochi e pic-nic con i bambini. L’idea è quella di radunare singole specie per creare delle “stanze vegetali” illuminate in modo diverso dal resto del verde; miniforeste alle quali si arriva attraverso viali e sentieri collegati alle fermate della metropolitana e degli autobus, percorsi ciclabili e pedonali.
«Creare un parco che fosse veramente pubblico e che mettesse in comunicazione tutta la comunità cittadina, con 5 chilometri di piste ciclabili e 170mila metri quadrati di area pedonale nel verde». Così spiega il suo sogno realizzato, la paesaggista olandese.